Shutdown

E’ passato un mese dal mio ultimo post.

Infatti questo mese mi sono fatta un regalo: quello di preferire la primavera della Costa Azzurra a queste pagine (prima di biasimarmi, guardate con attenzione la foto qui sopra, mi raccomando)

E non solo.

Quello di condividere meno ed assaporare di più.

Mi sono concessa il lusso del rimandare. Perché il sole, il mare ed un picnic invece non aspettano.

Quello di raccogliere ricordi senza l’obbligo di trasformarli in immagini e parole. Stamparli solo nel cuore e nella mente.

Allontanarmi per cambiare punto di vista, guardarmi intorno, magari con un’altra prospettiva che non fosse quella di un obiettivo.

Disintossicarmi, forse.

C’è chi si mette a dieta questo periodo. Anche io ne ho fatta una, ma di tipo diverso: dieta digitale.

Non l’avevo mai fatto, non ne sentivo il bisogno. Per caso, però è successo.

Forse periodi del genere sono necessari (o dovrebbero esserlo): per liberarsi un po’ dalla rete che spesso ci avvolge, ma a volte ci intrappola. Un abbraccio che ci fa sentire più sicuri, ma che a volte ci soffoca senza che ce ne accorgiamo.

L’altro giorno guardavo questo video che ormai è stato condiviso milioni di volte, probabilmente perché è illuminante nella sua semplicità. E le cose semplici ci fanno sempre sentire degli idioti per non averle capite prima. Ciechi per aver guardato, senza aver visto.

“We’re a generation of idiots, smart phones and dumb people

[...]

I’m guilty too of being part of this machine,
This digital world, we are heard but not seen.
Where we type as we talk, and we read as we chat
Where we spend hours together without making eye contact

So don’t give into a life where you follow the hype
Give people your love, don’t give them your ‘like’
Disconnect from the need to be heard and defined
Go out into the world, leave distractions behind.

Look up from your phone, shut down that display.
Stop watching this video, live life the real way.”

 

Per me, questo mese, ha significato innamorarmi di posti nuovi di cui ignoravo l’esistenza:

Apprezzare il malinconico fascino di mattine uggiose:

Scoprire bizzarrie locali:

Concedermi “i miei preferiti”:

Sentirmi un po’ VIP per una sera:

Subire, come di consueto, il fascino della luna:

Cedere alla meraviglia di un pomeriggio in spiaggia, nonostante temperature poco miti:

 

Festeggiare compleanni e anniversari

E molto altro che, per fortuna, non ho documentato. Vuol dire che ero troppo occupata a godermelo.

E voi riuscite a ricordare l’ultima volta che l’avete fatto?

Parlo di essere rapiti a tal punto da un pasto o da un bel tramonto da dimenticarsi di fotografarlo e pubblicarlo su instagram, d’intrecciare le dita di chi amate durante una passeggiata e non slogarsele inviando sms sdolcinati a distanza. Messaggi che rimarranno nella memoria di un telefono, ricordi che invece si agganceranno direttamente al vostro cuore.

Quanto tempo è che non parlate con i vostri amici guardandoli negli occhi? Senza usare la chat di facebook o whatsapp?  A volte basta elargire meno “mi piace” e più sorrisi che non siano una faccina. Quando è stata l’ultima volta che vi siete seduti a tavola guardandovi in faccia (provateci oggi, purtroppo, spesso non incontrerete altri occhi), magari sorridendo di chi, accanto a voi, si sta perdendo sguardi innamorati, arrabbiati, ammiccanti, risate, lacrime…Ipnotizzato da uno schermo qualsiasi.

Avete mai provato a condividere informazioni e cultura senza hashtag, a darvi un appuntamento sotto casa per un gelato e non su skype, ad accartocciarvi in un angolo in un momento di tristezza senza renderne partecipe l’intero mondo digitale, ad avere il diritto di rimanere in silenzio senza sentirsi esclusi per questo?

Forse avere 10.000 follower su twitter per alcuni significa essere popolare, ma per la vicina di casa che non salutate perché siete impegnati nell’ultimo tweet, siete solo un maleducato qualsiasi. Vi sentite forse meno soli con quei 1000 amici su Facebook?

Provate. Regalatevi un mese di realtà, purché non sia virtuale.

Informazioni su Cappuccino e Baguette

http://about.me/cappuccinoebaguette Vedi tutti gli articoli di Cappuccino e Baguette

5 responses to “Shutdown

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 725 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: